Due rigori condannano i falchetti. In testa si ricompone la coppia
Il torneo si avvia verso la parte finale ed ancora è viva più che mai per stabilire chi potrà ambire alla promozione. Lotta ormai ridotta a due fuggitive che con l’alternanza dei risultati hanno fatto il vuoto e si lanciano verso la volata finale. Il 24° turno registra lo stesso numero di gol realizzati in quello precedente (24), ma questa volta le squadre viaggianti ottengono un piccolo vantaggio, rispetto a quelle di casa (14-10), frutto anche delle 4 vittorie ottenute a fronte delle 3; non manca l’autorete, punto fermo delle ultime 5 giornate. Giornata caratterizzata anche dalla bellezza di 5 rigori realizzati, di cui uno messo a segno da Dambros del Casarano, nell’unica doppietta di giornata.
SI RICOMPONE IL DUO DI TESTA. Testa della classifica che cambia ancora col Bitonto che frena la corsa del San Giorgio ed appaia il Cerignola, fermato sul pareggio ad Altamura. La coppia di testa allunga nei confronti del terzo posto, dilatando a +8 il margine detenuto ora su Francavilla e Fasano in corsa per il podio. Sono ora cinque le coppie appaiate lungo tutto l’arco della classifica, per cui quest’ultima si presenta molto fluida e suscettibile di continue variazioni. All’ultimo assalto il Fasano evita lo sgambetto del fanalino di coda Matino e resiste al sorpasso tentato al Francavilla che passa a Sorrento. Al palo il Gravina, sorpreso in casa dalla rediviva Nocerina; riemerge anche il Molfetta che regola di misura la Mariglianese ed ora guida il gruppo rimasto ai margini della zona play off. Procedono appaiate Casarano e Bisceglie coi nerazzurri che vantano nei confronti diretti solo il vantaggio dei due scontri diretti già disputati. Segnano il passo sia il Nardò che il Rotonda e la loro classifica diventa disperata in quanto il Brindisi si avvicina sensibilmente, mentre rosicchia un punto il Matino.
SUICIDIO ROSSOBLU’. Come col Molfetta in casa lo scorso 22 dicembre, anche a Casarano la Casertana spreca una ghiotta occasione per centrare la decima vittoria in campionato e spezzare un digiuno che dura ormai da cinque turni. Come allora va in gol Vicente dopo una mezza dozzina di minuti e Diaz trova il raddoppio prima del 15’ (come fece Mansour in quella circostanza). Con il risultato in pugno i falchetti non si addormentano, ma sprecano tante occasioni fino a riconsegnare al Casarano la fiducia necessaria per la rimonta. Che si concretizza (altra circostanza analoga) prima dell’intervallo. Purtroppo pesano le occasioni sciupate e gli atavici errori in fase difensiva che consentono ai biancazzurri di Monticciolo di conquistare 2 calci di rigori che portano il risultato in parità, prime dell’imbucata di Dambros che consegna ai suoi la vittoria. Feola continua a sostenere che i tre punti erano più che meritati: in effetti questa volta ha maggior ragione rispetto alla gara col Bisceglie, ma c’è da registrare un altro risultato negativo che nega la vittoria, medicina necessaria per i suoi pazienti. C’è dell’altro: a leggere il tabellino si nota come il tecnico sia ricorso a Felleca poco prima dell’ora di gioco, salvo a richiamarlo in panchina a 9’ dalla fine. Si era pensato ad un problema muscolare per l’ex Ghivazzano ma probabilmente il tecnico non è rimasto entusiasta della sua prova. Avrebbe voluto un maggior spirito di sacrificio da parte suo e di sicuro in questi giorni ci sarà un faccia a faccia per ribadire cosa vuole Feola dai suoi calciatori, specialmente quelli a cui si chiede qualcosa in più per uscire fuori dall’impasse dei risultati in cui la Casertana è piombata.
MALCORE ALLUNGA. Non è bastato il 17° sigillo di Malcore a consentire l’ennesima vittoria del Cerignola e la vetta solitaria.  A 2’ dalla fine un rigore di Molinaro evita la sconfitta alla coriacea Altamura, per raggiungere un insperato pareggio. Unica consolazione per il biondo attaccante dilatare il vantaggio sugli inseguitori a + 8 dal momento che nessuno di essi riesce ad andare a segno. Il primo della lista ad avanzare è Croce del Francavilla, grazie al rigore che consente ai lucani di chiudere la pratica Sorrento. Tre calciatori raggiungono quota 6, vale a dire Molinaro dell’Altamura, D’Anna del Bitonto e Dambros del Casarano, autore dell’unica doppietta di giornata.
COSI’ DOMENICA. Tornano tra le mura amiche le due battistrada: il Cerignola ospita il Gravina, mentre il Bitonto attende il Nola. Match clou del turno è lo spareggio per il terzo posto programmato a Francavilla sul Sinni dove scende il Fasano; il Molfetta si reca a Brindisi e potrebbe sfruttare lo scontro diretto per avvicinarsi al quinto posto. Derby al San Francesco tra Nocerina e Sorrento, scontro diretto per scalare posizioni. In coda spiccano Virtus Matino-Casarano e Rotonda-San Giorgio, anche se la squadra di Ambrosino ha tutte le carte in regola per riprendere la marcia interrotta col Bitonto. LA Casertana infine ospita il Nardò per la partita che presenta tutte le carte in regola per il ritorno al successo dei falchetti.
24^ GIORNATA
I RISULTATI
Altamura – Cerignola        1-1           
Bisceglie – Nardò             2-1          
Casarano – Casertana      3-2          
Fasano – Virtus Matino     2-2  
Gravina – Nocerina           0-2     
Molfetta – Mariglianese     1-0   
Nola – Lavello                  0-0         
Rotonda – Brindisi            1-3                
San Giorgio – Bitonto       0-1            
Sorrento – Francavilla      0-2
LA CLASSIFICA
Cerignola            52
Bitonto               52
Francavilla          44
Fasano               44
Gravina              42
Molfetta              35
Sorrento             34
Nocerina            32
Casertana          33
Lavello               30
San Giorgio        26
Mariglianese       26
Altamura            26
Bisceglie             24
Casarano           24
Nola                   23
Nardò                 22
Rotonda (-8)       22
Brindisi               18
V. Matino           16
I CANNONIERI
17 reti   Malcore (Cerignola, 3 rig.)
11 reti   Santoro (Bitonto)
             Diop (Gravina (2 rig.)
10 reti   Favetta (Casertana, 4 rig.)
9 reti     Ferreira (Rotonda)
             Tedesco (Altamura, 1 rig.)
8 reti     Burzio (Lavello, 1 rig.)
             Capomaggio (Fasano, 1 rig.)
7 reti     Esposito (Mariglianese 1 rig.)
             D’Angelo (Nola)
             Lattanzio (Bitonto)
             Croce (Francavilla, 2 rig.)
IL PROSSIMO TURNO
(domenica 20 febbraio 2022)
Bitonto – Nola                      
Brindisi – Molfetta                 
Casertana – Nardò               
Cerignola – Gravina              
Francavilla – Fasano     
Lavello – Bisceglie                 
Mariglianese – Altamura         
Nocerina – Sorrento               
Rotonda – San Giorgio            
Virtus Matino – Casarano
© Riproduzione riservata

source